Drammi

Opere drammatiche o di argomento religioso



Elenco

Genere

dialogo drammatico

Durata

h 1

Scenografia

a piacere

Personaggi

due

Tema

La vita di Barabba dopo che Gesù è stato crocifisso al suo posto

Trama

Barabba assiste alla straziante morte di Gesù, crocifisso al suo posto e da quel momento tutta la sua vita sarà condizionata da quella terribile esperienza. Sfuggirà continuamente alla morte, anelando il raggiungimento della Salvezza, che però gli è negata perché non è destinato ad essa, secondo la Dottrina luterana

Significato

Critica alla dottrina luterana della predestinazione

Note

tratto dall’omonimo romanzo di P. Lagerwist

BENVEGNUDA PINCINELLA, LA STRĺA DE NAE

Genere

dramma, atto unico in 10 quadri

Durata

h 1

Scenografia

lo studio dell’Inquisitore

Personaggi

n. 7, di cui 5 maschili e 2 femminili + 1 narratore + comparse (monaci – soldati …)

Tema

Ricostruzione del Processo a Benvegnuda Pincinella, arsa il 19 luglio del 1518 in piazza della Loggia a Brescia, condannata per stregoneria dalla Santa Inquisizione

Trama

Pincinella, una vedova che sopravvive curando i suoi compaesani malati con decotti di erbe, viene denunciata da un vicino di casa alla Santa Inquisizione di Brescia. Dopo un processo, ritenuto a quei tempi un modello di legalità e garantismo, Pincinella viene condannata ed arsa viva in piazza della Loggia a Brescia

Significato

Genere

Monologo sulla vicenda del mugnaio Menocchio, bruciato come eretico nel millecinquecento

Durata

h 1

Scenografia

a piacere

Personaggi

un uomo

Tema

storia vera di un mugnaio eretico del Cinquecento

Trama

Menocchio, mugnaio veneto di forte temperamento, rifiuta l’interpretazione dei testi sacri della Chiesa e li vuole interpretare usando la sua testa. Inquisito, processato e incarcerato, si ostinerà a difendere i suoi pensieri fino ad essere arso sul rogo

Significato

Accanto a figure di grandi uomini che hanno combattuto fino alla morte per la conquista della libertà di pensiero, ve ne sono altre che, per le loro umili condizioni sociali sono rimaste misconosciute. Menocchio è uno di questi ed anche a lui dobbiamo essere riconoscenti per le libertà civili di cui godiamo

NEDÀL ÈN RÌA A LA MÈLA

Genere

atto unico drammatico

Durata

h 1

Scenografia

a piacere

Personaggi

n. 2, un uomo e una donna

Tema

Tratto dalla cronaca nera milanese: il rinvenimento di un cadavere di un barbone, che custodiva in una tasca la confessione di essere un fratricida

Trama

Un giovane giudice giustizialista, convinto che l’umanità sia divisa tra buoni e cattivi, deve risolvere un misterioso caso di fratricidio risalente a trent’anni prima; senza l’ausilio di alcun indizio o dato oggettivo, troverà la soluzione del caso indagando dentro di sé. Scoprirà così che ogni uomo, lui per primo, è per metà Caino e per metà Abele, e, assolvendo la complice del misfatto, perdonerà se stesso da una antica colpa rimossa che lo spingeva ad essere giustizialista

Significato

Note

testo disponibile anche in lingua italiana

Genere

monologo tratto da “La più bella avventura” di Don Primo Mazzolari

Durata

h 1

Scenografia

in Chiesa

Personaggi

un uomo

Tema

La Parabola del Figliol Prodigo

Trama

Un figlio inquieto, desideroso di libertà, pretende la sua parte di eredità e abbandona la casa paterna, per tornarvi dopo esperienze devastanti nel corpo e nell’anima a chiedere perdono al padre

Significato

Si giunge alla salvezza solo dopo l’errore e il pentimento

Genere

Monologo drammatico

Durata

h 1

Scenografia

A piacere

Personaggi

Diversi

Tema

L’esistenza assurda del protagonista

Trama

Il protagonista viene sostituito da un sosia identico a lui che gli annulla l’esistenza

Significato

Il rifiuto del protagonista al malaffare e agli intrighi della società

GÓSSA A GÓSSA

Genere

recita natalizia

Durata

30 minuti

Scenografia

l’altare

Personaggi

n. 12 di cui 6 maschili e 6 femminili

Tema

Natale, tempo di buone intenzioni

Trama

Ad uno ad uno uomini e donne posano sull’altare un pezzo del presepio, dopo aver raccontato la propria personale vicenda. Alla fine, quando il Presepio sarà completato, arriveranno i pastori con doni e promesse, che non manterranno, ma che puntualmente torneranno a rinnovare il Natale successivo

Significato

Sbagliare, pentirsi e sbagliare ancora fa parte della natura umana

Genere

Tratto dall’omonima opera di Don Primo Mazzolari

Durata

h 1

Scenografia

a discrezione del regista

Personaggi

a discrezione del regista

Trama

Genere

dramma filosofico tratto da “Fedone” di Platone

Durata

h 1

Scenografia

la cella di Socrate

Personaggi

8 uomini + alcune donne + tre bambini come comparse

Tema

La morte di Socrate

Trama

Socrate nella sua cella, in attesa del tramonto del suo ultimo giorno, discute coi suoi discepoli dell’immortalità dell’anima

Significato

Morire significa nascere alla vita vera e immortale

Genere

recita natalizia, tratta da “Canto di Natale” di Dickens

Durata

h 1

Scenografia

un ufficio malandato

Personaggi

n. 9 di cui 6 maschili e 3 femminili + il narratore + alcune comparse

Tema

il Natale di un vecchio avaro

Trama

Nella notte di Natale al vecchio avaro compare il suo socio defunto, dannato a causa dell’avarizia esercitata in vita. Il fantasma gli mostra i suoi Natali passati, presenti e futuri e l’uomo si ravvede

Significato

La generosità gratifica più dell’avarizia

Genere

drammatico

Durata

h 1

Scenografia

a scelta del regista

Personaggi

una o più voci a piacere

Tema

in attesa della liberazione

Trama

Don Primo Mazzolari, rinchiuso in una stanza per sfuggire alle ira fasciste, annota sul suo diario le emozioni e i pensieri che la primavera, intravista dalla fessura della finestra, suscitano in lui

Significato

La violenza è sempre da condannare, non ci sono giusti motivi che la possano giustificare

ÈL MANTÈL RÓS

Genere

recita pasquale

Durata

45 minuti

Scenografia

in Chiesa

Personaggi

n, 9

Tema

Il Sacrificio di Gesù

Trama

Farisei e Cristiani si confrontano e narrano la Passione dall’arresto di Gesù fino alla sua ingiusta condanna

Significato

Gesù come simbolo e emblema di tutte le anime belle e portatrici di ideali, che in società dove prevale il Male diventano delle vittime

LA CIÀV

Genere

dialogo natalizio

Durata

30 minuti

Scenografia

il sagrato di un monastero

Personaggi

n. 2 di cui 1 maschile e 1 femminile

Tema

dialogo tra due sconosciuti

Trama

E’ la notte che precede il Natale e due sconosciuti, un uomo e una donna s’incontrano casualmente davanti al portone chiuso di un monastero. Nell’attesa che la chiave lo apra, i due si raccontano a vicenda le loro drammatiche storie. Le reciproche confessioni li condurranno a fare ciascuno la scelta giusta: perdonare e chiedere perdono

Significato

E più facile capirsi con chi condivide la stessa pena, anche se si tratta di sconosciuti

Genere

racconto storico sulla figura dell’astronomo breciano Giovanni Paneroni

Durata

h 1

Scenografia

una piazza

Personaggi

n. 21 (alcuni possono ricoprire più ruoli)

Tema

la straordinaria figura dell’ultimo tolemaico

Trama

Paneroni torna tra i suoi compaesani e racconta dal suo punto di vista gli eventi più salienti della sua lotta contro i Copernicani

Significato

Aldilà delle sue assurde e sbagliate tesi, la figura di Paneroni è un degno esempio di vita vissuta lottando e soffrendo per difender i propri ideali e le proprie convinzioni

Genere

dramma in due atti

Durata

h 1 e 30m

Scenografia

a piacere del regista

Personaggi

n. 9 di cui 6 maschi e 3 femmine

Tema

il conflitto tra le tre religioni monoteistiche

Trama

Un Templare si innamora di una ragazza cristiana cresciuta in casa di un ebreo. Nel corso della vicenda si scopre che la ragazza e il Templare sono fratelli e nipoti del Sultano

Significato

Il dramma è tratto da “Nathan il saggio” di Lessing. La vicenda narrata, che si conclude con un classico riconoscimento e la riunificazione di una famiglia composta da musulmani, cristiani e ebrei, getta una luce di speranza che i contrasti religiosi di triste attualità, vengano superati, sia pure tra mille e mille anni

Genere

dramma storico tratto da una leggenda celtica

Durata

h 1

Scenografia

all’aperto

Personaggi

3 principali + il narratore + alcune comparse

Tema

Il matrimonio impossibile tra Enora ed Efflam

Trama

Enora ed Efflam stanno per sposarsi, ma la Sibilla appare al Druido e svela che sono fratelli

Significato

La bellezza e l’arte salveranno il mondo

Genere

drammatico

Durata

h 1

Scenografia

è divisa in due: da una parte i soldati al fronte e dall’altra le donne e i bambini a casa vestiti con i costumi del primo ‘900

Personaggi

possono variare come numero. Indicativamente: n. 3 soldati giovani, tre donne, due gruppi di 3-4 bambini, n. 1 narratore

Tema

La prima guerra mondiale

Trama

Il narratore racconta, a tappe, l’evolversi della guerra, mentre i soldati e le donne leggono i punti salienti di alcune lettere dal fronte che raccontano i mutamenti dell’animo dei soldati in un crescendo sempre più drammatico

Significato

la guerra è una partita cruenta e inutile in cui perde anche chi vince

LÀSSEM MIA DE SUL CON CHÈSTA CORDA

Genere

dramma – atto unico

Durata

20 minuti

Scenografia

a piacere

Personaggi

n. 2, maschile e uno femminile

Tema

il tradimento di Giuda

Trama

Sul Golgota Gesù è crocefisso e Giuda si allontana per impiccarsi, ma una serie di emozioni, sentimenti, ragionamenti e l’incontro con una donna misteriosa lo indurranno a buttare la corda e a non impiccarsi

Significato

Come poteva essere colpevole Giuda, se il suo tradimento era già scritto nel suo destino ed era necessario al compimento del Disegno divino?

LÀSSEM MIA DE SUL CON CHÈSTA CORDA

Genere

monologo sulla Shoah

Durata

h 1

Scenografia

a piacere

Personaggi

un uomo

Tema

Testo scritto per la Giornata della Memoria

Trama

Il protagonista racconta la sua terribile vicenda dall’invasione della Polonia da parte dei Russi, fino all’internamento e al suo coatto “arruolamento” nella Brigata della Morte, che aveva il compito di disseppellire le vittime dalle fosse comuni, bruciarle, crivellare i resti, ridurli in ceneri e spargerle su campi dove l’erba crescendo avrebbe nascosto i crimini all’umanità

Significato

Non si deve dimenticare

Note

tratto da:”Perché la terra ricordi” di Leon W. Wells

Genere

testo composto da una parte storica e una drammatica

Durata

h 1

Scenografia

una piccola Chiesa

Personaggi

n. 2 di cui 1 uomo e 1 donna

Tema

la religiosità dei Disciplini

Trama

La protagonista, educata ad una religiosità naturalistica dalla vecchia “guaritrice” che l’ha allevata, conosce e vive drammaticamente la religiosità dei Disciplini per poi approdare alla religiosità francescana

Significato

Il cammino verso una religiosità piena e consapevole è lungo e sofferto